Oggi vi voglio raccontare delle finestre in alluminio minimali che abbiamo installato in provincia di Biella.

Valeria e la sua famiglia, residenti a Milano, vogliono ristrutturare la loro casa di campagna dei primi del 900 rendendola unica. Veniamo contattati da un nostro di fiducia, l’architetto Valeria Sangalli per prenotare un mio sopralluogo con consulenza per visionare i lavori da svolgere.

 

Finestre in alluminio minimali: Capiamo le esigenze

 

Era settembre 2018 quando mi trovai assieme ala proprietaria, all’architetto e alle varie figure professionali per discutere i lavori da svolgere. Come spesso capita in ristrutturazioni cosi importanti le figure professionali che devono operare sono numerose, ed è sempre bene coordinarsi per non causare intoppi. 

Arriviamo a destinazioni e quello che mi si presenta agli occhi era questa casa di campagna di inizio 900. La cosa che mi salta subito all’occhio sono queste vetrate enormi che davano la visuale sull’enorme giardino sia dalla zona giorno che dalla zona notte. 

Come spesso capita facciamo il giro della casa e intanto ascolto quello che hanno da dirmi: Questa è la fase fondamentale, perché solo da questa analisi emerge quello che sono le loro aspettative sui lavori. Spesso però qualche collega fa ancora i preventivi telefonici senza effettuare alcun sopralluogo e secondo me questo approccio è totalmente sbagliato, te lo spiego nell’articolo che ho scritto qualche tempo fa Serramenti a Saronno – Come richiedere un preventivo

Quali erano le loro necessità e cosa è emerso dall’intervista :

  • Serramenti in alluminio minimali con profili sottili
  • Vetri a controllo solare selettivi sopratutto nelle zone fortemente esposte come le vetrate fisse
  • Dove possibili aperture ad una sola anta per far entrare più luce possibile
  • Cerniere a scomparsa e maniglia minimale in modo da abbinarsi al profilo sottile
  • Colore che fosse in contrapposizione con la storicità dell’edificio. Decidiamo per un colore grigio antracite opaco
  • Persiane storiche con alette fisse sempre stessa finitura delle finestre
  • Portoncino di ingresso tradizionale a vetro con parte fissa
  • Che non entrassero spifferi visto che quelli vecchi non erano a tenuta

Insomma : Ampie vedute e luce sono le parole chiave di questa casa di campagna di provincia di Biella.

 

Finestre in alluminio minimali: Cosa ho pensato per loro

 

Senza ombra di dubbio se penso ad una finestra in alluminio che sia bene isolata termicamente e acusticamente parlando, mi viene solo in mente la serie LUCE di Alsistem che, tra cerniere a scomparsa e maniglia minimale, dona un tocco moderno anche in tutti quei luoghi che devono mantenere una storicità, come nella nostra casa in provincia di Biella. 

Per fare in modo che la casa non si surriscaldi, considerando che i proprietari per il momento non volevano installare i frangisole, abbiamo optato per un vetro di tipo selettivo in modo che i raggi del sole non rimangono intrappolati nella casa, ma vengano riflessi verso l’esterno.

Per le persiane invece propongo la soluzione senza telaio con i cardini a murare di tipo storico tutto in tinta, che nel contesto di una casa dei primi del 900 è l’ideale.

 

Finestre in alluminio minimali: Cosa abbiamo fatto

 

Una delle loro esigenze primarie era che le finestre nuove dovevano essere a prova di spifferi perché quello ormai vecchie e obsolete, oltre a surriscaldare l’intero edificio con conseguente aumento dei costi di raffrescamento, facevano entrare tonnellate di freddo. E ho scoperto il motivo principale

 

In sostanza tra il muro e il serramento non c’era nessun isolamento ne all’aria ne all’acqua. Altro fattore non da poco sono i mattoni a vista che rendevano ancora più complicata al sigillatura del giunto. Ma come ha scritto nella mia guida (se non sai di cosa parlo leggi qui) a problemi specifici esistono soluzioni mirate. 

Finestre in alluminio minimali: Le 6 vetrate mozzafiato

 

Un altro aspetto fondamentale erano le 6 vetrate che davano sul giardino principale con piscina. Questa era una fase delicata perché per la posa richiedeva precisione, pazienza e sangue freddo. Vi devo confessare che per qualche notte ho fatto fatica a prendere sonno! 

Per favorire lo svolgere del cantiere senza intoppi e rallentamenti, decidiamo che il lavoro si sarebbe svolto in due fasi:

  1. Installazione delle 6 vetrate entro Novembre 2018
  2. Installazione finestre e persiane a Gennaio 2019

A Novembre 2018 iniziamo con lo smontaggio e installazione delle vetrate e per questa operazione ci affidiamo ad una vetreria locale che ci ha fornito un operatore che manovra uno speciale camion con un braccio ventosa, che senza di esso sarebbe strato impossibile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Finestre in alluminio minimali: Il risultato finale

 

Dopo qualche inconveniente di cantiere, arriva finalmente il giorno di chiusura dei lavori. Sia i clienti che l’architetto Valeria Sangalli sono rimasti soddisfatti e anche se ci sono state qualche problematiche legate ai tempi di cantiere ( purtroppo tra neve e pioggia il cantiere è stato fermo qualche settimana), siamo comunque riusciti a rimanere nei tempi

Ecco qualche foto dei lavori finiti

 

 

Un ultima cosa: Un grazie particolare va all’architetto Valeria Sangalli per il suo splendido lavoro di direzioni lavori e progettazione, perché senza di lei tutto questo non sarebbe stato possibile.

Ora, se si arrivato fino a qui e ti piace il nostro modo di lavorare contattaci tramite il form qua sotto!

 

Stefano Comida titolare di CBS Serramenti e Serramentista da sempre. Dal 2003 aiuto le persone a vivere in modo più confortevole la propria casa attraverso la sostituzione delle finestre
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: